Home

Il Club

Anno Sociale

Programmi

Eventi

Sostenitori

Contatti

A.R. 2015-2016
Dimensione carattere: +

A.R. 2015-2016 - "Il terrorismo piaga mondiale. La parola alle Autorità" - 21.03.2016

http://www.rotarybarisud.org/rbs/images/articoli/2015/21_03_2016/21032016_1.pngLunedì 21 marzo 2016, in occasione della celebrazione della Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, il Rotary Club Bari Sud, presieduto da Gianluigi Di Giulio, in Interclub con il Rotary Club Bari (Presidente: Paolo Di Tonno), il Bari Ovest (Presidente: Aurelio Metta), il Bari Castello (Presidente: Giovanni Marra) e il Bari Mediterraneo (Presidente: Giancarlo Petrosino) ha organizzato la riunione titolata: “Il terrorismo piaga mondiale. La parola alle Autorità”.
La serata rotariana si è svolta presso il Salone degli Specchi del Circolo Unione di Bari e ha avuto come Illustri Relatori: il Prefetto di Bari S.E. Carmela Pagano, il Questore di Bari Dott. Antonio De Iesu e il Comandate della Legione Carabinieri di Puglia Generale Giovanni Cataldo. http://www.rotarybarisud.org/rbs/images/articoli/2015/21_03_2016/21032016_2.png
Nel primo giorno di primavera i Rotary Club cittadini hanno trattato un argomento di grande attualità e interesse per scuotere le coscienze e per rinnovare i principi di verità e di giustizia sociale.
Dopo gli inni e i saluti di rito, Gianluigi Di Giulio ha sapientemente introdotto l’argomento e gli Ospiti di eccellenza.
Il Generale Cataldo, socio onorario del Rotary Club Bari Sud, ha preso la parola per primo e ha parlato ad una sala gremita di Soci, Amici, e Consorti, di strategie internazionali, terrorismo e sicurezza interna.
Partendo da una precisa ricostruzione del contesto storico, sociale e politico, il Generale ha sottolineato i passaggi salienti che hanno permesso all’ISIS di aumentare spaventosamente le proprie fila.
http://www.rotarybarisud.org/rbs/images/articoli/2015/21_03_2016/21032016_3.pngTanti i temi toccati: dai terribili fatti di Tokio, a quelli di Londra e Madrid fino ad arrivare al gravissimo attentato di Bruxelles.
Importantissima nella lotta al terrorismo è l’attività di intelligence ed un maggiore e attento controllo sul territorio.
Il Questore di Bari, Dott. De Iesu, ha affrontato l’affaire “Terrorismo” dal punto di vista dell’adozione di misure di sicurezza, dell’ordine pubblico interno e di controllo degli immigrati.
La lotta contro il terrorismo deve avere un livello di vigilanza rafforzata con monitoraggio dei luoghi sensibili, mediante impiego di forze dell’ordine e forze di sicurezza.
E’ fondamentale che le persone siano consapevoli di vivere in una nuova condizione di grande rischio ed elevata esposizione.
Oltre a misure per garantire la disponibilità delle forze, è necessaria una intensificazione dei controlli d’identità alle frontiere e nel corso dei flussi migratori.
L’ultima relazione è stata quella del Prefetto di Bari, S. E. Carmela Pagano, che ha detto che così come l’uso della rete è aumentato negli ultimi anni nei normali cittadini, allo stesso modo anche le organizzazioni terroristiche fanno largo uso di questa rete globale, indispensabile per scopi decisamente differenti”.
Un sistema che, ovviamente, non ha più alcun confine nazionale e aumenta così il suo impatto sulle potenziali vittime.
I gruppi terroristici negli ultimi anni hanno fatto un uso sistemico della Rete per reclutare nuovi seguaci, trovare finanziamenti, raccogliere e diffondere informazioni
Facebook, Twitter e Youtube sono in qualche modo complici del terrorismo informatico nel mondo. Proprio i social network, secondo un rapporto delle Nazioni Unite, sarebbero una vera e propria fucina di nuove celle terroristiche.
I potenziali terroristi utilizzano tecnologie avanzate di comunicazione, che spesso coinvolgono internet, per poter raggiungere un pubblico mondiale con un certo livello di anonimato e a basso costo. http://www.rotarybarisud.org/rbs/images/articoli/2015/21_03_2016/21032016_4.png
Al termine delle tre brillanti esposizioni, l’Assistente del Governatore Saverio Belviso ha concluso la serata attenzionando sul quarto punto dello Scopo del Rotary “Promuovere l’intesa, la tolleranza e la pace tra i popoli attraverso un’associazione internazionale di professionisti ed imprenditori uniti dall’ideale del servire”.
In presenza del persistere di conflitti e tensioni internazionali, i Rotariani, più di ogni altro, sono tenuti a promuovere il superamento delle barriere di carattere razziale, religioso, culturale e politico nello sforzo comune di servire il prossimo ovunque nel mondo.
I principi rotariani sono testimoniati ed avvalorati dagli interventi umanitari nelle più disparate parti del mondo che, contrastando miserie, dipendenze, malattie, paure e fragilità contribuiscono a favorirne ed a realizzare l’obiettivo primario del service rotariano: la comprensione e la pace fra i popoli.
Carmen Russo

A.R. 2015-2016 - "La città di Bari ed il decentram...
Programma Aprile 2016

Commenti

 
Ancora nessun commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Lunedì, 27 Gennaio 2020

Immagine Captcha

Info & Social

  •  c/o Hotel Palace
    Via Francesco Lombardi, 13, 70122 Bari
  •  +39 080 5229646
  •  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Privacy Policy

Questo sito utilizza oggetti software denominati "cookie" per facilitare l'accesso ai visitatori e migliorare l'esperienza di navigazione. L'uso dei cookie è limitato allo stretto necessario e non vengono memorizzati dati personali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information